Giappone: Scoperte strane particelle su spiaggia vicino Hiroshima

Uno studio condotto dal geologo Mario Wannier ha determinato che una varietà di strane particelle vetrose rinvenute su una spiaggia sabbiosa [...]

Giappone: Scoperte strane particelle su spiaggia vicino Hiroshima.

Uno studio condotto dal geologo Mario Wannier ha determinato che una varietà di strane particelle vetrose rinvenute su una spiaggia sabbiosa nei pressi della città giapponese di Hiroshima sarebbe probabilmente resti della città distrutta dall’esplosione della bomba atomica nel 1945.

Secondo una dichiarazione del Lawrence Berkeley National Laboratory negli Stati Uniti, il ricercatore ha analizzato numerose piccole sfere vetrose e altri oggetti scoperti nella sabbia raccolta dalla penisola della Motoujina. “Sono generalmente aerodinamici, vetrosi e arrotondati, e mi hanno immediatamente ricordato alcune particelle sferiche che avevo visto nei campioni di sedimenti dal confine del Cretaceo-Terziario“.

Wannier si riferisce a uno strato stretto negli strati della crosta terrestre che risale a 66 milioni di anni, quando i dinosauri si estinsero a causa del possibile impatto di un asteroide. La pubblicazione osserva che in tali eventi, il materiale terrestre liquefatto viene espulso nell’atmosfera, dopo di che gocce di materiale vetroso si formano e ricadono sulla terra.

Tra le particelle studiate da Wannier, alcune somigliavano a quelle formate dopo l’impatto di un oggetto spaziale, mentre altre erano diverse. Ad esempio, lo scienziato ha trovato particelle con composizione simile alla gomma e altre che includevano una varietà di materiali rivestiti in uno o più strati di vetro o silice. Molti avevano una dimensione tra 0,5 e 1 millimetro.

Giappone: Scoperte strane particelle su spiaggia vicino Hiroshima.

Il ricercatore ha raccolto più campioni di sabbia vicino Hiroshima, con un’alta concentrazione di queste particelle estranee, che suggerisce l’idea che potessero essere correlati alla esplosione della bomba atomica nel 1945, che ha distrutto o danneggiato circa il 90% delle strutture in città.

Wannier e la sua squadra hanno stimato che un chilometro quadrato spiaggia di sabbia nella zona, raccogliere dalla superficie ad una profondità di 10 centimetri, contiene tra 2200 e 3100 tonnellate di queste particelle. Lo studio pubblicato sulla rivista Anthropocene conclude che, molto probabilmente, provengono dalla città distrutta dall’esplosione. “Hai una città e un minuto dopo non hai città. La domanda era: “Dov’è la città? Dove è la materia? “E’ un tesoro aver scoperto queste particelle, è una storia incredibile”, dice Wannier.

L’analisi ed esperimenti condotti su particelle inusuali corroborato l’ipotesi della sua origine, mostrando che formate in condizioni estreme superiori a 1800 °C e aveva una microstruttura unica.

Leggi  Video NASA: le "scottature solari" della Luna che soffre

Si è scoperto che la sua composizione corrisponde a stretto contatto con i materiali che erano comuni a Hiroshima al momento del bombardamento, come il cemento, marmo, acciaio inox e gomma. “L’ipotesi dell’esplosione atomica è l’unica spiegazione logica della sua origine”, dice lo scienziato Nobumichi Tamura, che ha lavorato all’analisi del materiale.