Effetto cambio climatico: “peste biblica” divora colture adesso più distruttiva

Peste biblica: le immagini di una “invasione” di cavallette a Las Vegas hanno fatto il giro del mondo. Gli insetti sono [...]


Effetto cambio climatico: "peste biblica" divora colture adesso più distruttiva.

Peste biblica: le immagini di una “invasione” di cavallette a Las Vegas hanno fatto il giro del mondo. Gli insetti sono stati attratti dalla luminosità della luce della città e hanno causato molti problemi a fine luglio. Allo stesso tempo, una nuvola di insetti meno mediatici ma più preoccupanti ha colpito lo Yemen, un paese devastato dalla fame e dalla guerra civile. Erano aragoste, il cui appetito può causare danni considerevoli alle colture in oltre 60 paesi, principalmente in Africa, Medio Oriente e Asia centrale. Questi eventi potrebbero diventare più frequenti. Gli esperti infatti temono che il cambiamento climatico provocherà un comportamento più distruttivo e imprevedibile degli insetti.

Sciami affamati

Esistono già prove che l’aumento della temperatura globale avrà un effetto diretto sul metabolismo degli insetti. Uno studio del 2018 condotto da scienziati americani pubblicato sulla rivista Science ha dimostrato che il clima più caldo rende gli insetti più attivi e ha maggiori probabilità di riprodursi. Questo rende anche le creature generalmente più affamate e un’aragosta del deserto adulta può mangiare il proprio peso corporeo in un giorno.

Leggi  Sesta Estinzione di massa: il silenzio degli insetti

Sorveglianza

I ricercatori hanno stimato che il danno globale causato da insetti nocivi nelle colture di grano, riso e mais potrebbe aumentare tra il 10% e il 25% per grado Celsius di riscaldamento. La maggior parte di questi danni potrebbe verificarsi nelle regioni temperate, dove viene prodotta la maggior parte di questi cereali.

“Ad eccezione dei tropici, temperature più calde aumenteranno i tassi di riproduzione degli insetti. Sono più insetti che mangiano di più ”, ha scritto Curtis Deutsch, uno degli autori dello studio. Mentre le aragoste non sono le uniche specie che divorano le colture, sono le più monitorate dalle autorità nazionali e internazionali, a causa del loro potenziale distruttivo.

Peste biblica: le immagini di una "invasione" di cavallette a Las Vegas hanno fatto il giro del mondo.

Gli sforzi negli ultimi quattro decenni li hanno tenuti a bada, ma ci sono stati gravi focolai, come l’infestazione dell’Africa nel 2004, che ha causato danni alle colture per 2,5 miliardi di dollari USA.

Sicurezza alimentare

Si stima che la percentuale di danno causato dalle aragoste a livello globale sia relativamente bassa rispetto al danno causato da tutti gli insetti, gli esperti lo collocano allo 0,2%. Ma l’effetto di uno sciame in un determinato luogo può essere devastante.

“Le condizioni più secche in futuro nei limiti nord e sud dell’area di distribuzione dell’aragosta del deserto possono produrre habitat più favorevoli per questa specie e possono avere impatti negativi significativi”, dice l’entomologo Michel Le Coq alla BBC, uno dei maggiori esperti di aragosta al mondo. Le Coq avverte: “I rischi in termini di danni a colture, pascoli e, in definitiva, cibo e sicurezza sociale per molte persone povere nei paesi in via di sviluppo potrebbero essere enormi”.

Storia distruttiva

I parassiti più devastanti, come l’aragosta del deserto, hanno il potenziale di danneggiare i mezzi di sostentamento del 10% della popolazione mondiale, secondo l’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura (FAO). Solo un “piccolo” sciame mangia la stessa quantità di cibo in un giorno di circa 35.000 persone. I suoi “snack” preferiti includono cereali essenziali come riso, mais e grano.

“Buenos Aires sarà come Sydney e Londra come Barcellona”: la mappa che stima l’impatto dei cambiamenti climatici in oltre 500 città del mondo.

Queste creature sono alcuni dei più antichi nemici dell’umanità. Sono persino apparse nella Bibbia e nel Corano.

Peste biblica nell'antico Egitto.

Nel mondo antico, lo storico romano “Plinio il Vecchio” disse che 800.000 persone erano morte in quella che oggi è la Libia, l’Algeria e la Tunisia a causa della carestia causata da una piaga delle locuste. Più recentemente, nel 1958 in Etiopia, uno sciame di aragoste che copre più di 1.000 chilometri quadrati ha distrutto 167.000 tonnellate di grano, sufficienti a sfamare un milione di persone per un anno.

Leggi  Crollo catastrofico nella popolazione di insetti

Le regioni temperate saranno più colpite dagli insetti più affamati, perché il loro metabolismo rallenta se fa troppo caldo, come già accade nelle aree tropicali. Nel 2016, gli esperti sospettavano che il riscaldamento globale avesse un ruolo importante quando l’Argentina ha affrontato la più grande infestazione di aragosta degli ultimi 60 anni. Si ritiene che un inverno più caldo e umido abbia scatenato il fenomeno.

Voli più alti e più lunghi

La FAO, che coordina una rete di monitoraggio globale specifica per le attività delle locuste del deserto, avverte anche che i cambiamenti climatici potrebbero generare condizioni più favorevoli per la migrazione e la distanza che coprono. Le aragoste del deserto per adulti possono volare fino a 150 km in un giorno. “Con il futuro riscaldamento, gli sciami potrebbero raggiungere le aree più velocemente rispetto al passato”, afferma l’agenzia.

Le temperature più calde potrebbero anche consentire agli insetti di volare più in alto e superare le barriere naturali come le montagne, aprendo nuove rotte migratorie. “In generale, i focolai di locuste dovrebbero essere più frequenti e gravi sotto i cambiamenti climatici”, afferma Arianne Cease, direttore della Global Lobster Initiative, presso la Arizona State University.

Le regioni agricole sono le più vulnerabili alla devastazione causata dagli sciami di locuste. Ma non solo le colture alimentari sono a rischio. In Pakistan le autorità hanno avuto a che fare con un’infestazione che minacciava le colture di cotone, un prodotto responsabile di quasi la metà delle esportazioni del paese.