Il miliardario russo Dmitry Bosov si è suicidato

La causa del suicidio è ancora sconosciuta. Il caso è sotto inchiesta....

Il miliardario russo Dmitry Bosov si è suicidato.

Il comitato investigativo della regione di Mosca ha confermato mercoledì la morte di Dmitry Bosov, un miliardario russo comproprietario delle compagnie carboniere Vostokugol e Sibanthracite.

Il 6 maggio, il corpo di Bósov è stato trovato dai suoi parenti nel territorio della sua casa nella città di Úsovo, nella regione di Mosca. “Accanto al corpo dell’uomo c’era una pistola Glock 19 Gen 4”, ha detto all’agenzia il rappresentante del comitato investigativo per la regione di Mosca, Ólga Vrádiy.

Secondo i dati preliminari, Dmitri Bósov si è suicidato. “La notte del 5 maggio, l’uomo d’affari ha smesso di rispondere a chiamate e messaggi. Sua moglie è andata a Úsovo, dove lo ha trovato morto, sdraiato in una delle stanze della casa con una pistola in mano”, ha detto una fonte a Interfax.

La causa del suicidio è ancora sconosciuta.

Non è stata trovata alcuna lettera di suicidio vicino al corpo… Il caso è sotto inchiesta.

Dmitri Bósov è nato nel 1968 nella città di Barnaúl, nel territorio dell’Altai. Nel 1997 è diventato il comproprietario dello stabilimento di alluminio di Krasnoyarsk in Siberia. Nel 2000 ha venduto le sue azioni, dopo di che ha fondato il gruppo Alltek.

Le attività principali dell’uomo d’affari sono il gruppo Sibanthracite – il principale produttore ed esportatore mondiale di antracite UHG di alta qualità e il più grande produttore di carbone metallurgico in Russia – e Vostokugol, che è dedicato allo sviluppo di giacimenti di carbone nelle regioni siberiane.

Secondo la rivista Forbes, nel 2020 Bósov è stato classificato nella posizione numero 86 nella lista dei russi più ricchi, con una fortuna di 1,1 miliardi di dollari.