Disgelo Sottomarino Artico può provocare un disastro globale

Lo scioglimento del permafrost sottomarino nell’Artico genera un’importante emissione di metano, un gas serra che può causare cambiamenti climatici più ...

Disgelo Sottomarino Artico può provocare un disastro globale.

Lo scioglimento del permafrost sottomarino nell’Artico genera un’importante emissione di metano, un gas serra che può causare cambiamenti climatici più intensi di quanto sappiamo. Scienziati russi effettueranno una spedizione per indagare su come questa circostanza influirà.

Numerosi studi dell’ultimo decennio hanno dimostrato che le regioni con permafrost si estendono sia attraverso vaste aree della terraferma in Eurasia e Nord America. Gran parte di quel fondo ghiacciato si trova nella Siberia settentrionale e nell’Estremo Oriente della Russia.

Il ghiaccio funge da cemento per le rocce del fondo marino e, se sciolto, nulla impedirebbe la fuga del metano intrappolato negli strati inferiori, cosa che è già avvenuta in diverse regioni continentali vicino al circolo polare. Nel 2013, i membri dell’Università Erasmus di Rotterdam (Paesi Bassi) hanno calcolato il possibile impatto economico globale di questo processo: circa 60 miliardi di dollari.

Tuttavia, i membri del Politecnico di Tomsk (Siberia, Russia) stimano che questo disgelo in via di sviluppo potrebbe persino essere sottovalutato, a causa del rilascio di enormi quantità di metano inclusi gli idrati e le maggiori anomalie del pianeta generate dalla dissoluzione di quell’idrocarburo in acqua.

“Se non prendiamo in considerazione i risultati dell’indagine sul permafrost sottomarino, si possono verificare catastrofi ecologiche durante le attività di ricognizione e industriali”, ha dichiarato il geologo Ígor Semilétov, corrispondente dell’Accademia delle scienze russa, presso l’agenzia RIA Novosti.

Fuga del metano intrappolato negli strati inferiori del permafrost artico.

Due effetti di deglaciazione subacquea

Questo esperto ritiene che appariranno nuove aree a rischio quando una piattaforma petrolifera con un reattore nucleare verrà installata in un luogo con una “struttura complicata” di permafrost sottomarino dove i gas fuoriescono dalle rocce. Questo pericolo sarebbe un effetto dello scioglimento delle aree ghiacciate, mentre un altro sarebbe le conseguenze climatiche.

Le previsioni indicano che dall’1% al 5% dei depositi di idrato della piattaforma marina dell’Artico orientale verrà rilasciato nell’atmosfera in cui è concentrato l’80% del permafrost sottomarino. Un aumento della concentrazione di metano influirebbe sul clima del terra.

Per dettagliare e misurare tale cambiamento, una nuova spedizione congiunta di ricercatori universitari e due istituti di oceanologia russa partirà dal porto di Arjánguelsk verso i mari dell’Artico orientale il 16 settembre. Allo stesso fine, è prevista una deriva del rompighiaccio Kapitán Dranitsyn nelle acque glaciali durante i prossimi mesi.