Speciale Dieta inverte i sintomi del morbo di Alzheimer

Uno studio su topi condotto da ricercatori USC e pubblicato sul Journal of Biological Chemistry ha rilevato che i componenti ...

Dieta inverte i sintomi del morbo di Alzheimer.

Uno studio su topi condotto da ricercatori USC e pubblicato sul Journal of Biological Chemistry ha rilevato che i componenti contenuti nel tè verde e nelle carote (facilmente reperibili) potrebbero offrire protezione contro la demenza da Alzheimer nelle persone.

I ricercatori dicono che una dieta contenente composti trovati nel tè verde e nelle carote ha invertito i sintomi simili alla malattia di Alzheimer nei topi geneticamente programmati per sviluppare la malattia. Tuttavia sottolineano che lo studio è stato condotto sui topi, e molte scoperte sui topi non sono mai state tradotte in trattamenti umani.

“Non devi aspettare da 10 a 12 anni perché un farmaco di marca entri nel mercato, oggi puoi apportare questi cambiamenti nella dieta“, ha detto l’autore principale Terrence Town, professore di fisiologia e neuroscienza presso la scuola di medicina dell’ Instituto Neurogenético Zilkha dell’USC.

Inoltre, lo studio supporta l’idea che la terapia combinata, piuttosto che un singolo approccio, possa offrire un’alternativa migliore per curare le persone che vivono con l’Alzheimer. Il trattamento combinato è già lo standard di cura per malattie come il cancro, l’infezione da HIV e l’artrite reumatoide.

Per questo studio, i ricercatori hanno analizzato due composti, EGCG, o epigallocatechina-3-gallato, un ingrediente chiave nel tè verde, e FA, o acido ferulico, trovato in carote, pomodori, riso, grano e avena.

Prima e dopo la speciale dieta di tre mesi, gli scienziati hanno analizzato una serie di test neuropsicologici che sono più o meno analoghi ai test di pensiero e di memoria che valutano la demenza

negli esseri umani. Di particolare interesse era un labirinto a forma di Y, che mette alla prova la memoria di lavoro spaziale di un topo, un’abilità che gli umani usano per trovare l’uscita di un edificio.

Topi sani esplorano istintivamente ogni braccio del labirinto Y, alla ricerca di cibo o di una via per fuggire e entrare in tre braccia in sequenza più spesso che per caso. Topi alterati non possono farlo così come le loro controparti mentalmente sane.

“Dopo tre mesi, la terapia combinata ha ripristinato completamente la memoria di lavoro spaziale, i topi con l’Alzheimer e i topi di confronto sani”, ha affermato Town.

Come ha funzionato? Lo specialista dice che un meccanismo sembrava essere la capacità delle sostanze di impedire alle proteine ​​precursori dell’amiloide di scomporre nelle proteine ​​più piccole chiamate beta amiloide che ostruiscono il cervello dei malati di Alzheimer. Inoltre, i composti sembravano ridurre la neuroinfiammazione e lo stress ossidativo nel cervello, aspetti chiave della malattia di Alzheimer negli esseri umani.

Town ha detto che lui e il suo laboratorio continueranno ad esplorare il trattamento combinato, concentrandosi su sostanze derivate dalle piante che inibiscono la produzione di placche beta amiloidi appiccicose.