Stampato in 3D il primo cuore di tessuto umano nel mondo

Ricercatori israeliani hanno presentato alla stampa un cuore inerte delle dimensioni di una ciliegia immersa in un liquido. “Questa è ...

Stampato in 3D il primo cuore di tessuto umano nel mondo.

Ricercatori israeliani hanno presentato alla stampa un cuore inerte delle dimensioni di una ciliegia immersa in un liquido. “Questa è la prima volta che un cuore è stato stampato integralmente con le sue cellule e vasi sanguigni, così come è la prima volta che viene usato materiale e cellule del paziente”, ha detto il professor Tal Dvir, direttore del gruppo di ricerca. “È già stato possibile stampare la struttura di un cuore in tre dimensioni prima, ma non con cellule e vasi sanguigni”, ha insistito.

Dvir lavora presso il Laboratorio di ingegneria dei tessuti e medicina rigenerativa, presso la George S.Wise School of Living Sciences, Università di Tel Aviv.

Il cuore è stato creato con “cellule e biomateriali che provengono dal paziente stesso. Abbiamo preso una piccola biopsia del tessuto adiposo del paziente, rimosso tutte le cellule separandole dal collagene e da altri biomateriali, riprogrammandole come cellule staminali e quindi differenziandole essere cellule cardiache e cellule dei vasi sanguigni”.

Successivamente, i biomateriali vengono elaborati “per convertirli in bioinchiostro, che consentirà la stampa con le cellule”. Il prodotto risultante, un cuore di circa 3 centimetri, equivalente alle dimensioni di un topo o di un coniglio, “è ancora molto basilare”, dice il professore, per il quale “il passo successivo è maturare questo cuore in modo che possa pompare”. Al momento “le cellule possono contrarsi, ma l’intero cuore non pompa, dobbiamo svilupparlo di più” per ottenere un organo che possa essere trapiantato in un essere umano.

“La prossima sfida è quella di far maturare queste cellule e aiutarle a comunicare tra loro, in modo che si contraggano insieme. Dobbiamo insegnare alle cellule a comportarsi correttamente.

Poi avremo un’altra sfida, per sviluppare un cuore più grande, con più cellule. Dobbiamo scoprire come creare abbastanza cellule per produrre un cuore umano”.

Nonostante questo, gli scienziati stimano che molti ostacoli dovranno essere superati prima che questi cuori 3D possano essere utilizzati nei trapianti.

“Forse tra 10 anni ci saranno gli stampatori di organi nei migliori ospedali del mondo e questi processi saranno eseguiti regolarmente”, ha predetto, anche se la sua impressione è che inizierà con organi più semplici del cuore. La sfida per gli scienziati è far sì che questi cuori stampati si “comportino” come quelli veri e poi li trapiantino in modelli animali.

Lo studio, pubblicato oggi sulla rivista internazionale Advanced Science, “apre la strada alla medicina del futuro, in cui i pazienti non dovranno aspettare un trapianto o assumere farmaci per evitare il rigetto. stampato, completamente personalizzato per ogni paziente”, afferma l’università.

Il professor Dvir lavora presso il Laboratorio di ingegneria tissutale e medicina rigenerativa, presso la George S.Wise School of Living Sciences, Università di Tel Aviv, dove ricerca, tra l’altro, strategie di nanotecnologia per l’ingegneria del tessuto cardiaco spesso e la produzione di tessuti ibridi.