CRISPR blocca la replicazione del Coronavirus nelle cellule umane

Gli scienziati hanno sfruttato la tecnologia di modifica genetica CRISPR per bloccare la replicazione del nuovo coronavirus nelle cellule umane, un approccio che un giorno potrebbe servire come nuovo [...] ..

CRISPR blocca la replicazione del Coronavirus nelle cellule umane

Gli scienziati hanno sfruttato la tecnologia di modifica genetica CRISPR per bloccare la replicazione del nuovo coronavirus nelle cellule umane, un approccio che un giorno potrebbe servire come nuovo trattamento per COVID-19. Tuttavia, lo studio è stato eseguito in laboratorio e non è stato ancora testato su animali o persone, il che significa che un trattamento basato sul metodo potrebbe richiedere anni.

CRISPR è uno strumento che consente ai ricercatori di modificare con precisione il DNA. Si basa su un sistema di difesa naturale utilizzato nei batteri che consente ai microbi di colpire e distruggere il materiale genetico dei virus, secondo quanto riportato in precedenza da Live Science.

Nel nuovo studio, pubblicato martedì (13 luglio) sulla rivista Nature Communications, i ricercatori hanno utilizzato un sistema CRISPR che prende di mira e distrugge i filamenti di RNA, piuttosto che il DNA. Nello specifico, il loro sistema utilizza un enzima chiamato Cas13b, che scinde singoli filamenti di RNA, come quelli trovati in SARS-CoV-2, il virus che causa il COVID-19. (Cas13b è simile a Cas9, l’enzima più comunemente usato nella tecnologia di modifica del gene CRISPR, ma Cas9 scinde il DNA mentre Cas13b scinde l’RNA).

CRISPR blocca la replicazione del Coronavirus nelle cellule umane

I ricercatori hanno progettato CRISPR-Cas13b per mirare a siti specifici sull’RNA di SARS-CoV-2; Una volta che l’enzima si lega all’RNA, distrugge la parte del virus necessaria per replicarsi, secondo una dichiarazione del Peter MacCallum Cancer Center di Victoria, in Australia, che ha collaborato alla ricerca.

“Una volta riconosciuto il virus, l’enzima CRISPR viene attivato e sminuzza il virus”, ha detto l’autrice principale dello studio, la dott.

ssa Sharon Lewin, del Peter Doherty Institute for Infection and Immunity presso l’Università di Melbourne.

I ricercatori hanno anche scoperto che il loro metodo ha funzionato anche quando sono state introdotte nuove mutazioni nel genoma SARS-CoV-2, comprese quelle osservate nella variante alfa coronavirus, scoperta per la prima volta nel Regno Unito.

Vaccini efficaci per il COVID-19 vengono attualmente distribuiti in tutto il mondo, ma permane una “chiara e urgente necessità” di trattamenti efficaci per la malattia, hanno affermato gli autori. Hanno notato che ci sono “serie preoccupazioni” che il virus si evolverà per “sfuggire” ai vaccini attuali.

Un trattamento ideale sarebbe un farmaco antivirale che i pazienti assumono poco dopo la diagnosi di COVID-19. “Questo approccio – test e trattamento – sarebbe fattibile solo se avessimo un antivirale economico, orale e non tossico. Questo è ciò che speriamo di ottenere un giorno con questo approccio a forbici genetiche”, ha detto Lewin.

Sebbene il nuovo studio sia un primo passo verso un tale trattamento, probabilmente ci vorranno anni prima che questo metodo possa essere trasformato in un trattamento ampiamente disponibile. I ricercatori ora intendono testare il metodo su modelli animali e, infine, condurre studi clinici sulle persone.

I medicinali che utilizzano la tecnologia CRISPR non sono ancora stati approvati per il trattamento di alcuna malattia, ma sono in corso numerosi studi per testare le terapie basate su CRISPR nelle persone come trattamento per varie malattie, tra cui il cancro e l’HIV.