COVID: Le persone vaccinate possono infettare

Le persone che sono state vaccinate contro il Covid-19 potrebbero trasmetterlo anche a coloro che non sono stati ancora immunizzati. Lo afferna uno specialista britannico: quindi è importante continuare [...] ..

COVID: Le persone vaccinate possono infettare

Le persone che sono state vaccinate contro il Covid-19 potrebbero trasmetterlo anche a coloro che non sono stati ancora immunizzati. Lo afferna uno specialista britannico: quindi è importante continuare a rispettare le regole di allontanamento sociale, ha detto uno specialista britannico.

Il professor Jonathan Van Tam, consulente del governo di Boris Johnson, in un articolo pubblicato sul Sunday Telegraph, afferma che in Gran Bretagna, 5,8 milioni di persone hanno già ricevuto la prima dose del vaccino, 478.248 sabato, un numero record dall’inizio del programma di vaccinazione l’8 dicembre. Tuttavia, Van Tam ha avvertito che “anche con le due dosi applicate” le persone “potrebbero trasmettere il Covid-19 ad altri”.

Il vaccino contro il Coronavirus non è la risposta definitiva

Il vaccino “può evitare di ammalarsi gravemente ma non sappiamo ancora se prevenga il contagio”, ha spiegato l’esperto. I vaccini contro il coronavirus potrebbero non impedire completamente alle persone di trasmettere il virus ad altri e le persone che hanno ricevuto l’iniezione devono continuare a rispettare le restrizioni di blocco, ha affermato Van-Tam. Lo specialista ha spiegato che se coloro che sono stati vaccinati iniziano a ridurre le loro cure perché protetti, stanno potenzialmente mettendo a rischio coloro che sono più in basso nell’elenco delle priorità che hanno ancora bisogno del vaccino. “Anche dopo aver ricevuto entrambe le dosi del vaccino, è comunque possibile trasmettere Covid a un’altra persona e le catene di trasmissione continueranno”, ha scritto lo specialista.

Ultima tappa della pandemia

“Indipendentemente dal fatto che qualcuno sia stato vaccinato o meno, è fondamentale che tutti seguano le restrizioni nazionali e i consigli sulla salute pubblica, poiché la protezione impiega fino a tre settimane per avere effetto e non conosciamo ancora l’impatto dei

vaccini sulla trasmissione“. “Il vaccino ha portato notevoli speranze e siamo nell’ultima tappa della pandemia, ma per ora, vaccinati o meno, dobbiamo ancora seguire la guida un po’ più a lungo”, ha concluso Van-Tam. Ha anche risposto ai medici che hanno criticato la decisione di estendere il divario tra la prima e la seconda dose di vaccino a 12 settimane.

La British Medical Association ha scritto all’ufficiale medico capo dell’Inghilterra chiedendogli di riconsiderare il problema, dicendo che nel caso del vaccino Pfizer-BioNTech, l’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) ha ordinato un intervallo massimo di sei settimane. Van-Tam ha detto che allargare il divario è stato il modo più veloce per ottenere una prima dose a quante più persone possibile il più rapidamente possibile.

Il Regno Unito sta applicando severe restrizioni all’aumentare dei casi, in gran parte a causa dell’aggressività del ceppo britannico di SARS-CoV-2. Anche alle persone che arrivano nel Regno Unito dall’estero potrebbe essere chiesto di mettersi in quarantena in un hotel, secondo diversi giornali usciti ieri, con il governo diviso sul fatto che la politica debba essere applicata a tutti gli arrivi o solo a coloro che tornano dai punti caldi del coronavirus. Quella strategia sarà risolta oggi.