Cittadini comprano uno zoo in Francia per salvare gli animali

La ONG Rewild ha avviato una campagna di raccolta fondi che è stata un successo e ora lavora per liberare gli animali in cattività....

Cittadini comprano uno zoo in Francia per salvare gli animali.

Buone notizie dalla Francia. La ONG francese Rewild ha avviato un progetto per acquistare uno zoo in Francia e trasformarlo in un rifugio per animali, dove non sarebbero più stati sfruttati a scopo di lucro. Pper farlo hanno lanciato una campagna su GoFundMe.

“Amici, abbiamo bisogno che realizziate un progetto completamente folle: acquistate lo zoo di Morede Pont Scorff (Francia) per liberare migliaia di animali selvatici“, ha annunciato la ONG all’avvio del progetto. Lo zoo si trova nella regione francese della Bretagna e acquistandolo avrebbero liberato 560 animali selvatici.

Al 27 dicembre, l’iniziativa aveva già raccolto 683 mila euro, superando l’importo necessario per acquistare lo zoo e convertirlo in un centro di riabilitazione. Un progetto descritto come “pazzo” ha ricevuto una risposta altrettanto insolita, ma molto gradita.

Più di 23500 persone hanno contribuito al raggiungimento della cifra necessaria. “La spada di Damocles viene sollevata! Grazie a te conserveremo le chiavi dello zoo di Pont Scorff!”, ha annunciato l’ONG in uno degli aggiornamenti del progetto.

Rewild ha annunciato:

La nostra missione è proteggere gli animali selvatici e oggi abbiamo un’opportunità unica per farlo, una che potrebbe non sorgere mai più: acquistare uno zoo e trasformarlo in una porta aperta alla libertà per i centinaia di animali che vivono in esso”.

Per portare avanti la sua sfida, l’ONG ha firmato un accordo di vendita con il proprietario dello zoo il 16 dicembre. Da quella data, hanno avuto 5 mesi per raccogliere i 600 mila euro necessari per acquisirlo.

Se non avessero avuto successo, avrebbero dovuto restituire lo zoo al proprietario, insieme a tutti gli animali, e abbandonare il progetto. Ma non è stato necessario aspettare una settimana per ottenere tutto.

Cosa succederà adesso?

“Attualmente stiamo lavorando a un’emergenza assoluta: migliorare immediatamente le condizioni degli animali. Il tempo gioca contro di noi perché alcuni si trovano in uno stato molto preoccupante. Sono la nostra priorità”, hanno affermato dalla ONG.

Ecco perché hanno deciso di tenere aperta la colletta, poiché “ci vorranno diversi mesi per stabilire tutte le attività economiche dello zoo (ristorante, negozio, eventi, mostre)”. Per iniziare, devono pagare 100.000 euro per i salari dei lavoratori che si sono offerti di rimanere nel progetto.

Inoltre, c’è il cibo degli animali, il mantenimento e, soprattutto, i lavori più urgenti, che attraversano dando loro spazi che soddisfano al più presto le loro esigenze più elementari. E una volta messo tutto in ordine, la ONG dovrà mantenere la promessa: liberare tutti gli animali che vivono nello zoo.

Rewild è una coalizione fondata da Sea Sheperd France e altre ONG francesi: Sea Shepherd, Centre Athénas, Hisa, Le Biome, One Voice, Wildlife Angels e Darwin. Sono specializzati nella difesa, conservazione, cura, riabilitazione e cattura di animali vittime di tratta illegale.