Ciclone Fani in India lascia una scia di morte e sfollati

Più di un milione di abitanti dell’Orissa, uno stato dell’India nord-orientale, sono stati evacuati prima che il ciclone Fani ieri ...

Ciclone Fani in India lascia una scia di morte e sfollati (VIDEO).

Più di un milione di abitanti dell’Orissa, uno stato dell’India nord-orientale, sono stati evacuati prima che il ciclone Fani ieri colpisse questa regione, considerata una delle più povere del paese.

La tempesta tropicale Fani, con raffiche di vento fino a 200 chilometri all’ora, ha impattato nella città di Puri, sulla costa del Golfo del Bengala. Lì, la sua virulenza ha distrutto migliaia di case, alberi sradicati, tetti e pali elettrici.

Il ciclone, uno dei peggiori che l’India abbia sofferto negli ultimi 20 anni, ha lasciato almeno 15 morti e centinaia di feriti. Ma la tragedia avrebbe potuto essere ancora più grande se non fosse stato per il piano di evacuazione ottimamente portato al termine dal governo indiano.

Secondo il New York Times, le autorità hanno inviato 2,6 milioni di messaggi di testo ai cellulari dei suoi cittadini per avvisarli del passaggio del ciclone, mobilitando circa 45 mila volontari, mille operatori di emergenza, migliaia di agenti di polizia.

Ciclone Fani in India lascia una scia di morte e sfollati (VIDEO).

Anche gli aeroporti e le stazioni ferroviarie sono stati chiusi. Le classi furono cancellate, le barche sono state ormeggiate nei porti. I messaggi di indirizzo pubblico che potevano essere ascoltati per le strade erano molto chiari: “Si avvicina un ciclone. Vai ai rifugi”.

A Puri, la città sacra dell’induismo che attira milioni di turisti ogni anno, sono state prese misure adeguate per proteggere il tempio di Jagannath, risalente a 850 anni fa.

“Tutto è diventato nero all’improvviso, non si poteva vedere a cinque metri di distanza”, ha detto ad AFP un rifugiato in un hotel nella città di Puri. “Quasi 7000 mense per 9000 rifugi sono entrati in funzione nella notte di giovedì e più di 45 mila volontari hanno partecipato a questo mostruoso intervento”, ha detto il capo del governo dello stato dell’Orissa, Naveen Patnaik.

L’ONU ha elogiato il lavoro dell’India e ha osservato che l’accuratezza degli avvertimenti e l’evacuazione delle persone hanno “salvato molte vite”.