Chatbot: l’app IA che ti permette di parlare con persone morte

La perdita di una persona cara rappresenta un dolore abissale. La mente va in confusione e non sappiamo come reagire a tanto dolore, il duello sta arrivando e si passa ...

La perdita di una persona cara rappresenta un dolore abissale. La mente va in confusione e non sappiamo come reagire a tanto dolore, il duello sta arrivando e si passa dalla rabbia alla tristezza in un secondo. Ma cosa succederebbe se potessimo scambiare qualche ultima riga con quella persona che se n’è andata? Saresti disposto a farlo? Sembra fantascienza, giusto? Ma è già una realtà grazie ai Chatbots.

I chatbot sono uno strumento di intelligenza artificiale, che raccoglie l’impronta digitale di un individuo. Da questo, simula le conversazioni con le solite espressioni di quella persona.

La maggior parte delle applicazioni dei chatbot è per scopi tanatologici, cioè per aiutare a superare il dolore di una perdita. È anche vero che è necessario aprire un dibattito bioetico su quanto sia praticabile l’opzione del dialogo con i nostri morti e gli esperti lo sanno bene. La fantascienza cerca sempre più di superare la realtà e la colloca su una linea poco chiara tra utopia e distopia.

La Open University of Catalonia e l’Università di Aalborg in Danimarca, si preparano ad aprire il dibattito attraverso un’indagine. Belén Jiménez Alonso, PhD in Psicologia, è a capo del progetto “L’intelligenza artificiale può aiutarci a prepararci alla morte? Domande etiche sui chatbot per il lutto e la fine della vita”. Questa ricerca approfondisce l’uso di queste intelligenze artificiali come un modo per superare la morte di una persona cara.

Chatbot, l’IA che ti consente di entrare in contatto con persone decedute

Ci sono alcune iniziative che propongono l’uso dell’intelligenza artificiale per superare il lutto per la perdita di una persona vicina. Molti di loro superano la semplice creazione di un bot, ma hanno lo scopo di raccogliere quante più informazioni possibili sulla persona. Compresa l’impronta digitale, ovvero post sui social media, messaggi di testo, e-mail, video e foto. Con questo, verrebbe creata una rete neurale artificiale per imitare il comportamento della persona deceduta.

È proprio qui che la ricerca solleva interrogativi etici sull’utilizzo di questo tipo di intelligenza artificiale. Investigare l’impatto psicologico, sociale e culturale di questi strumenti è fondamentale nella ricerca condotta da Jiménez Alonso. Il progetto intreccia anche aree che non sono immediatamente associate ai chatbot, come il dibattito legale sull’uso dei dati delle persone decedute.

“Molte domande sorgono intorno a questi tipi di strumenti. Quindi il dibattito va affrontato tenendo conto di tutti gli aspetti coinvolti”.

È importante rendere visibile questo tipo di interrogatorio, in uno spazio di riflessione sugli aspetti che potrebbero cambiare il modo in cui guardiamo alla morte.