Una casa di bambù ispirata al Feng Shui

Una casa di bambù ispirata al Feng Shui che utilizza l’acqua di falda come raffreddamento naturale. Questa casa sperimentale di bambù [...]


Una casa di bambù ispirata al Feng Shui.

Una casa di bambù ispirata al Feng Shui che utilizza l’acqua di falda come raffreddamento naturale. Questa casa sperimentale di bambù vuole aiutare la Cina ad avere una costruzione più sostenibile. Lo studio di architettura Cardenas di Milano ha progettato questa efficiente casa di bambù, una casa ispirata al Feng Shui e con una minima impronta di carbonio.

Situata a Zhejiang, questa casa è un esempio di risparmio energetico, utilizzando materiali di costruzione naturali disponibili localmente per creare un edificio redditizio, che consente di risparmiare considerevole energia.

Gli architetti hanno costruito la casa principalmente in bambù, un materiale rinnovabile che cresce in abbondanza nell’area di Baoxi.

“Per la struttura della casa esploriamo nuove forme di costruzione con il bambù come materiale di base”, ha scritto lo studio di Cardenas.

Una casa di bambù ispirata al Feng Shui.

Sostenibilità per noi non è solo l’uso di materiali naturali come il bambù, ma anche la progettazione di soluzioni costruttive adeguate”.

Per questo, gli architetti hanno sviluppato un sistema di costruzione modulare con bambù, di geometria precisa e connessioni in alluminio leggero per consentire una più facile espansione, montaggio, smontaggio e trasporto.

Gli architetti hanno applicato i principi del Feng Shui nel design, che consiste di nove quadrati su ciascun piano. L’interno è, per la maggior parte, costruito con pareti divisorie minime, per consentire all’energia positiva (Qi) e alla ventilazione naturale di fluire liberamente. La casa è su un tumulo di terra che ospita la sala tecnica.

Una casa di bambù ispirata al Feng Shui.

Per ridurre al minimo l’uso di energia, la casa utilizza acqua di falda insieme a una pompa di calore geotermica per il riscaldamento e il raffreddamento all’interno.

Questo sistema è più efficiente del 25% rispetto ai sistemi convenzionali.

Leggi  Sorpresa: i sacchetti biodegradabili non si degradano dopo 3 anni