Cambiamenti climatici stanno già aumentando la turbolenza sui voli aerei

Ad un volo della Turkish Airlines erano rimasti solo 45 minuti nel suo viaggio di più di otto ore da Istanbul [...]


Cambiamenti climatici stanno già aumentando la turbolenza sui voli aerei.

Ad un volo della Turkish Airlines erano rimasti solo 45 minuti nel suo viaggio di più di otto ore da Istanbul a New York il 10 marzo. Quando il Boeing 777 ha tremato violentemente ed precipitato di quota, ferendo passeggeri e membri dell’equipaggio. L’aereo ha fatto un atterraggio di emergenza all’aeroporto internazionale John F. Kennedy, dove 28 passeggeri e due membri dell’equipaggio sono stati curati per lesioni (fonte).

Quel volo stava navigando sul Maine quando incontrò una forte turbolenza, nota come turbolenza dell’aria chiara perché si verifica in cieli sereni senza un evidente segnale visivo per i piloti.

Tali incidenti potrebbero diventare più comuni nei cieli sull’Atlantico settentrionale a causa dei cambiamenti nel taglio del vento, causati dai cambiamenti climatici provocati dall’uomo. E’ quanto afferma un nuovo studio pubblicato mercoledì.

Una delle principali cause di turbolenza in aria chiara è il taglio del vento, che si verifica quando i venti variano in velocità o direzione con l’altezza.

Cambiamenti climatici stanno già aumentando la turbolenza sui voli aerei.

Il nuovo studio, pubblicato sulla rivista Nature, è il primo a rilevare un aumento statisticamente significativo del taglio del vento verticale a quote di corrente a getto attraverso l’Atlantico settentrionale. Le modifiche qui possono avere un’influenza significativa sull’aviazione, poiché ci sono quasi 3000 voli a questa altitudine in un giorno medio.

Lo studio si concentra sull’Atlantico settentrionale per due motivi principali. E’ il corridoio di volo d’oltremare più attivo al mondo e i voli che attraversano l’oceano in questa regione sono generalmente esposti alla corrente del getto polare per la durata della loro volo, specialmente durante l’inverno.

La ricerca sulle turbolenze si concentra sul principale driver dei flussi di jet a media latitudine: la differenza di temperatura tra l’equatore e il Polo Nord, che alimenta il cosiddetto vento termico.

In generale, maggiore è il contrasto di temperatura tra l’equatore e il polo, più forte sarà il flusso del getto che soffierà da ovest a est attraverso il Nord Atlantico, dirigendo ed energizzando i sistemi di tempesta insieme ad esso.

Leggi  Quasi 150 morti in Polonia e Lituania per ondata di caldo

Il nuovo studio, condotto dai meteorologi dell’Università di Reading, rileva che ad altitudini più elevate, compresa la bassa stratosfera sopra il polo, le temperature sono diminuite in risposta al rapido cambiamento climatico nell’Artico.

Nel frattempo, la troposfera superiore sopra l’equatore ha temperature medie in aumento. Ciò significa che il contrasto di temperatura sta aumentando a queste altitudini.

Tuttavia, più in basso nella troposfera, è vero il contrario. I cambiamenti di temperatura stanno indebolendo il gradiente di temperatura e il flusso del getto dovrebbe diminuire. Questo indebolimento del flusso di jet ha ricevuto molta attenzione da parte dei media negli ultimi anni.

Quando queste due tendenze vengono aggiunte, finora si stanno bilanciando, quindi la maggior parte degli studi sull’argomento trova solo piccoli cambiamenti nelle velocità e nella posizione del flusso del getto negli ultimi anni.

Ma il taglio del vento associato al flusso del getto sta chiaramente aumentando, secondo lo studio.

“Se il flusso del jet rallenta nell’atmosfera inferiore, ma rimane invariato nell’atmosfera superiore, allora il taglio nell’atmosfera superiore deve essere aumentato”, ha detto il co-autore dello studio Paul D. Williams.

“Quindi, sebbene possa sembrare controintuitivo, non vi è alcuna contraddizione matematica tra avere (nell’atmosfera superiore) un maggiore taglio del vento senza una maggiore velocità del vento.”

Poiché gli aeroplani viaggiano nella troposfera superiore verso la stratosfera inferiore, lo studio mostra che possono essere influenzati da una maggiore inclinazione del vento nella zona di transizione tra i venti più forti e le velocità del vento più deboli appena al di sotto.

“Lo stesso taglio è guidato dalla differenza di temperatura a qualunque livello di atmosfera si trovi”, ha detto l’autore principale Simon H. Lee.

Leggi  Trovano batteri che mangiano idrocarburi nel posto più profondo dell'Oceano

Quando il Boeing 777 ha tremato violentemente ed precipitato di quota, ferendo passeggeri e membri dell'equipaggio.

Lo studio è un passo avanti perché trova un cambiamento rilevabile nel taglio del vento associato al flusso del livello superiore del Nord Atlantico durante l’era satellitare di 39 anni, piuttosto che semplicemente esaminare la velocità del vento, come avevano fatto studi precedenti. In effetti, questo studio rafforza un altro lavoro recente che ha trovato una mancanza di una chiara tendenza nella velocità del flusso del getto polare a circa 34.000 piedi dal 1979.

Nello stesso periodo, c’è stato un aumento del 15% del taglio del vento verticale a quell’altitudine, secondo lo studio. L’aumento del taglio è stato riscontrato in tre diversi insiemi di dati dal 1979.

“I modelli climatici mostrano già turbolenze tra due e tre volte più gravi a metà del 21° secolo”, afferma Lee. “Ora quello che abbiamo fatto è guardare le osservazioni e scopriamo che uno dei fattori chiave [della turbolenza] è effettivamente aumentato”.

“Per trovare qualcosa di chiaro come il 15%, ecco perché il messaggio principale è che i cambiamenti climatici stanno avendo un impatto maggiore sull’aereo di quanto si pensasse in precedenza”, afferma Lee.

L’approccio del taglio consente agli autori di trarre conclusioni sulle tendenze della turbolenza, concludendo che i futuri voli transatlantici possono trovare una turbolenza aerea più chiara di quanto non lo siano ora. Sottolineano che le proiezioni climatiche mostrano che il Nord Atlantico ha un maggiore aumento della turbolenza nell’aria limpida ad altitudine di crociera rispetto a qualsiasi altra parte del mondo.

Williams afferma che la relazione tra i cambiamenti climatici e l’aumento della turbolenza in aria chiara è “ben consolidata e pienamente coerente con la nostra comprensione della fisica della generazione della turbolenza”.

Leggi  Luna Video: il Tour NASA del nostro satellite naturale

Lee ricorda alle persone che la turbolenza non è una tipica causa di incidenti aerei: “Le probabilità che il tuo aereo cada a causa della turbolenza sono davvero zero”.