Calore estremo: down dei Server di Google e Oracle Cloud a Londra

I servizi cloud forniti da Google e Oracle sono andati offline martedì sera a causa di problemi di raffreddamento riscontrati dai loro server con sede nel Regno Unito. Le [...] ..

calore estremo server down google oracle cloud

I servizi cloud forniti da Google e Oracle sono andati offline martedì sera a causa di problemi di raffreddamento riscontrati dai loro server con sede nel Regno Unito. Le interruzioni di servizio sono iniziati alla fine della giornata più calda della storia del Paese. I data center non sono stati in grado di resistere all’ondata di caldo senza precedenti, in un giorno in cui le temperature hanno raggiunto i 40,3°C nell’Inghilterra orientale.

Una parte dell’infrastruttura di raffreddamento di Oracle Cloud si è interrotta, le sue strutture di archiviazione dei dati sono diventate offline e non sono state disponibili fino a mercoledì.

Alcuni utenti non sono stati in grado di accedere ai propri dati nel cloud, un problema che ha interessato anche i clienti di Google Cloud.

ondata calore estremo server down google oracle cloud

Quest’ultima piattaforma ha dichiarato che molti dei suoi prodotti erano “sperimentati con alti tassi di errore, latenze o indisponibilità del servizio“, una serie di problemi che richiedevano il “ripristino del sistema di raffreddamento” sui suoi server europe-west2.a, situati in Londra.

L’interruzione ha interessato diversi servizi relativi all’informatica e all’analisi dei dati, inclusi BigQuery, SQL e Kubernetes. Anche i siti Web del sistema di gestione dei contenuti di WordPress ospitati sui server britannici di Google sono diminuiti. Per evitare danni alle macchine e interruzioni prolungate, gli amministratori hanno spento intenzionalmente alcune apparecchiature.

Parte dei problemi causati dal caldo persiste e il problema in Google interessa ancora una piccola parte dei volumi dei dischi con dati. Oracle Cloud ha riferito che la maggior parte dei servizi è stata ripristinata entro mercoledì mattina, ma un “sottoinsieme di risorse continua a subire l’impatto”, quindi gli ingegneri dell’azienda stanno lavorando per normalizzare la situazione.