Calore estremo: Messico come in Kuwait con temperature di 60 gradi

MESSICO – Ricercatori del Centro per la Ricerca Biologica (CIB) dell’Università Autonoma dello Stato di Morelos (UAEM), hanno registrato, nella regione [...]


Calore estremo: Messico come in Kuwait con temperature di 60 gradi.

MESSICO – Ricercatori del Centro per la Ricerca Biologica (CIB) dell’Università Autonoma dello Stato di Morelos (UAEM), hanno registrato, nella regione meridionale dello stato, una temperatura mai registrata di 60 gradi Celsius che già alterava l’habitat della fauna, che monitoravano da diversi anni fa quando svolgevano attività sul campo nella zona.

Secondo gli esperti sono “problemi ambientali molto gravi che devono essere affrontati e in cui la CIB può contribuire con proposte per invertire il deterioramento ambientale che il clima è cambiato”.

L’Organizzazione Meteorologica Mondiale (WMO) aveva annunciato un paio di giorni prima di Mitribah in Kuwait, che erano stati raggiunti i 53,9 gradi centigradi, “lo stesso fenomeno si verifica nella regione meridionale di Morelos, dove si trova la “Sierra de Huautla”,  che comprendente i comuni di Ayala, Jojutla, Tepalcingo, ma anche in una zona del comune di Tlaquiltenango”.

I rilievi delle temperature sono stati eseguiti in orari critici (come il primo pomeriggio), in cui sono state fatte misurazioni con termometri laser nel terreno, dell’aria e del substrato. Hanno scoperto che le temperature hanno raggiunto i 60 gradi, ovviamente correlato alla mancanza di attività, in completa siccità, nei mesi di aprile e maggio, quando la vegetazione perde le foglie e la radiazione è intensa”.

Il fenomeno non è percepibile nelle città ma è già avvertito con le ondate di calore.

Gli eseprti avvertono: “Nel campo sta accadendo questo evento che sembra estremamente pericoloso, non rileviamo più l’attività della fauna selvatica caratteristica di quei luoghi, come lucertole o Iguane a quel tempo, quando i rettili sono quelli che amano le alte temperature e si muovono tra rocce, terra e alberi “.

Leggi  Località vicino al Polo Nord registra Record di calore

I ricercatori messicani aggiungono: “Stiamo facendo delle ricerche che ci dicono se le lucertole stanno cambiando l’uso di micro-habitat o migrando verso luoghi più ombreggiati, cosa che permette loro di ansimare per ventilarsi”.

Il problema principale dei cambiamenti climatici è la deforestazione.

Gli scienziati del centro evidenziano come la deforestazione in Messico sia stata “persino propiziata dal governo con programmi che hanno permesso l’espansione della frontiera agricola per piantare, ad esempio, l’agave per produrre tequila, che ha causato perdita di biodiversità“.

I ricercatori del CIB dicono che la proposta di questo centro è l’uso, l’uso e la gestione adeguata delle risorse naturali con alternative per gli abitanti di svolgere attività produttive senza perdere la bassa foresta decidua.