Inventati “Robot Viventi” in grado di riprodursi, ecco il Biorrobot Xenobot

Il gruppo di scienziati statunitensi che ha creato i primi robot viventi, o xenobot, da cellule di embrioni di rana viventi, ha scoperto di recente che sono in grado [...] ..

Inventati "Robot Viventi" in grado di riprodursi, ecco il Biorrobot Xenobot

Il gruppo di scienziati statunitensi che ha creato i primi robot viventi, o xenobot, da cellule di embrioni di rana viventi, ha scoperto di recente che sono in grado di auto-replicarsi.

Allo stesso modo, i ricercatori delle università del Vermont, di Tufts e del Wyss Institute for Biological Inspiration Engineering dell’Università di Harvard hanno assicurato che si tratta di una forma completamente nuova di riproduzione biologica diversa da qualsiasi altra prova scientifica negli organismi animali o vegetali. il biologo Douglas Blackiston:

“La gente ha pensato per un po’ di tempo che abbiamo scoperto tutti i modi in cui la vita può riprodursi o replicarsi. Ma questo è qualcosa che non è mai stato osservato prima”.

In una dichiarazione rilasciata questo lunedì, gli specialisti hanno rivelato che i biorrobot (il termine biobot è un valido neologismo per riferirsi a una classe di robot creati parzialmente con cellule animali) riescono a trovare singole cellule, le raccolgono nella loro “bocca” e dopo pochi giorni ottengono nuovi xenobot identici a loro, che una volta rilasciati ripetono anche il processo. “Con il design giusto, si replicheranno spontaneamente’, ha affermato lo scienziato Joshua Bongard.

Inventati "Robot Viventi" in grado di riprodursi, ecco il Biorrobot Xenobot

Sam Kriegman, l’autore principale del nuovo studio, ha spiegato che inizialmente sono stati creati i genitori xenobot a forma di Pac-Man, che a loro volta “hanno generato figli, che hanno generato nipoti, che hanno creato pronipoti, che hanno generato pronipoti”.

“Abbiamo il genoma della rana completo e inalterato” ha aggiunto il biologo Michael Levin, “ma non ha fornito alcuna indicazione che queste cellule possano lavorare insieme in questo nuovo compito” di raccogliere cellule separate e trasformarle in autocopie funzionali.

I ricercatori hanno commentato che la replicazione cinematica, nonostante sia ben nota a livello di molecole, non era mai stata osservata prima in intere cellule o organismi. Tuttavia, hanno assicurato che sebbene la scoperta possa generare preoccupazione o persino terrore in alcune persone, in realtà non dovrebbe essere vista come una minaccia.

“Ciò che rappresenta un rischio è la prossima pandemia, l’accelerazione dei danni all’ecosistema causati dall’inquinamento, l’intensificazione delle minacce del cambiamento climatico“, ha affermato Bongard.

“Questo è un sistema ideale per studiare i sistemi autoreplicanti. Abbiamo un imperativo morale per comprendere le condizioni in cui possiamo controllarlo, dirigerlo, spegnerlo, esagerarlo”.