Archeologi spiegano enigmatico allineamento della Grande Piramide di Giza

I costruttori dell’antico Egitto avrebbero potuto usare ombre proiettate durante l’equinozio per allineare la Grande Piramide di Giza, 4500 anni ...

Archeologi spiegano enigmatico allineamento della Grande Piramide di Giza.

I costruttori dell’antico Egitto avrebbero potuto usare ombre proiettate durante l’equinozio per allineare la Grande Piramide di Giza, 4500 anni di antichità, con i punti cardinali, nord-sud-est-ovest, secondo quanto spiegato dall’archeologo Glen Dash nel portale Live Science. Questa nuova teoria potrebbe rivelare, come gli egiziani allineavano le pareti delle piramidi in modo così preciso.

Archeologi spiegano enigmatico allineamento della Grande Piramide di Giza

Secondo lo studio, pubblicato sul Journal of Ancient Egyptian Architecture, gli antichi egizi hanno creato punti di riferimento dalla posizione del sole durante l’equinozio d’autunno, giorno a metà strada tra i solstizi d’estate e d’inverno, quando il giorno e la notte dura lo stesso.

Usando una verga di legno chiamata gnomone, gli egiziani avrebbero seguito il percorso del sole per tutto il giorno per tracciare linee perfette da est a ovest, secondo Dash, che ha condotto il suo esperimento usando lo stesso metodo.

“I costruttori della Grande Piramide di Jufu [conosciuta anche come la Piramide di Giza] hanno allineato il grande monumento con i punti cardinali con una precisione di oltre quattro minuti di arco o la quindicesima parte di grado”, ha

detto lo scienziato.

Gli egiziani avevano solo bisogno di una “chiara giornata di sole”

Inoltre, le altre piramidi dell’Egitto, inclusa la Piramide di Khafre e la Piramide Rossa, condividono lo stesso grado di precisione nel loro allineamento con i punti cardinali. “Le tre piramidi hanno lo stesso tipo di errore, si girano leggermente a sinistra rispetto ai punti cardinali”, ha detto l’archeologo.

Questa tecnica funziona solo nell’equinozio d’autunno, a causa della particolare inclinazione della Terra in quel giorno. Gli egiziani avrebbero potuto calcolare il giorno dell’equinozio d’autunno contando 91 giorni dopo il solstizio d’estate.

Secondo Dash, tutto ciò che gli ingegneri della piramide avrebbero avuto bisogno era “una giornata limpida e soleggiata, come la maggior parte dei giorni a Giza”, per tracciare le pareti del monumento.

Tuttavia, lo scienziato ha ammesso che gli egiziani avrebbero potuto usare altri metodi legati alla posizione del sole o delle stelle per allineare le piramidi, poiché finora non sono stati trovati documenti che confermino alcun metodo specifico.