La morte di un amico può avere un impatto negativo sulla nostra salute

Una ricerca evidenzia la necessità di offrire servizi sanitari e supporto psicologico per aiutare queste persone.


La morte di un amico può avere un impatto negativo sulla nostra salute.

I risultati di una ricerca condotta da scienziati dell’Università di Stirling e della National University of Australia suggeriscono che la morte di un caro amico può causare un notevole deterioramento della salute fisica e mentale del defunto, che può durare fino a quattro anni.

Tradizionalmente, la morte di un amico intimo è considerata “inferiore nella gerarchia del dolore” rispetto alla morte di un coniuge o di un familiare, e come tale riceve meno attenzione. I risultati dello studio, però, mostrano che ha un impatto simile e queste conseguenze colpiscono le donne più degli uomini.

Conseguenze del lutto.

Per raggiungere queste conclusioni, il team di ricerca ha esaminato per 14 anni i dati di 26.515 individui, di cui 9.586 avevano subito la morte di almeno un amico intimo.

Queste analisi hanno rivelato una serie di conseguenze negative vissute da chi aveva un amico intimo morto. Più in particolare, i ricercatori hanno scoperto che le persone che soffrivano per la morte di un caro amico hanno subito una significativa diminuzione della loro stabilità fisica, mentale, emotiva e sociale, effetti collaterali che sono durati fino a quattro anni.

Finora, la maggior parte delle ricerche si è concentrata sugli effetti che può avere la morte di un parente stretto, il più delle volte un coniuge.

Dalla Facoltà di Scienze Sociali dell’Università di Stirling, spiegano:

Sappiamo tutti che quando un coniuge, un figlio o un genitore muore, la persona in lutto rischia di piangere e sentirsi peggio per qualche tempo dopo. Ma l’impatto della morte di un amico non ha avuto la stessa importanza“.

Ma ci sono decisi tagli nella salute e nel benessere delle persone che hanno avuto la morte di un amico, tuttavia, i datori di lavoro, i medici e la comunità in generale non sono focalizzati nel fornire supporto agli amici in lutto.

Leggi  Scienziati riesumano il cervello di maiali, 4 ore dopo la loro morte

Più supporto.

I ricercatori hanno scoperto che le persone con vite sociali occupate erano meno influenzate negativamente dal dolore, rispetto alle persone che socializzavano meno, questo perché un grande gruppo di amici offre sostegno durante un periodo di dolore.

La morte di un amico può avere un impatto negativo sulla nostra salute.

Per le donne che hanno vissuto la morte di un caro amico, c’è stata una diminuzione più acuta della vitalità e hanno sofferto un ulteriore peggioramento della salute mentale.

Questi risultati, dicono gli autori dello studio, sollevano serie preoccupazioni riguardo al modo in cui il recupero è gestito da persone che si trovano ad affrontare la perdita di un caro amico.

In questo senso, è necessario riconoscere che la morte di un amico intimo ha un costo elevato e, di conseguenza, offrire servizi sanitari e supporto psicologico per aiutare queste persone durante un appropriato periodo di tempo.