Algoritmo Google prevedere quando potresti morire

Google ha iniziato predicendo le parole che sarebbero state scritte nel motore di ricerca. Ora, il team di Google Brain, la...

Algoritmo Google prevedere quando potresti morire.

Google ha iniziato predicendo le parole che sarebbero state scritte nel motore di ricerca. Ora, il team di Google Brain, la parte specializzata in salute e scienze della vita, ha compiuto un grande salto in avanti e sviluppato un’intelligenza artificiale in grado di prevedere quando qualcuno morirà. Sebbene, a differenza di una distopia, questa informazione potrebbe essere utilizzata per salvare vite umane.

Un nuovo studio pubblicato sulla rivista Nature suggerisce che l’alimentazione di un modello di apprendimento approfondito con dati elettronici da record sanitari, potrebbe migliorare sostanzialmente l’accuratezza dei risultati previsti.

Nella loro ricerca gli scienziati hanno utilizzato i dati di due ospedali statunitensi. Potrebbe dimostrare che questi algoritmi potrebbero prevedere la durata del soggiorno e il tempo di dimissione del paziente, ma anche il momento del decesso. La rete neuronale descritta nello studio utilizza un’enorme quantità di dati, come i segni vitali e l’anamnesi del paziente: è utilizzata per fare le previsioni.

Come nel caso descritto su Bloomberg, dove i computer di un ospedale davano, a una donna con carcinoma mammario terminale (già con liquido nei polmoni), il 9,3% di possibilità di morire mentre era in ospedale, mentre l’algoritmo di Google ha determinato il rischio al 19,9%. E la donna morì in pochi giorni.

Il nuovo algoritmo di Google funziona allineando gli eventi precedenti dei record di ciascun paziente in una timeline, che consente al modello di deep learning di identificare i risultati futuri, incluso l’ora della sua morte. La rete neurale include anche note e commenti fatti a mano sulla vecchia grafica per fare le loro previsioni. Tutto ciò viene elaborato molto velocemente.


Scritto da Anima Gemella, Aggiornato a sabato 11 Agosto 2018, Pubblicato in Scienza