2 rare monete australiane battono Record all’asta

Durante un’asta che si è svolta sabato scorso a Monaco, due monete australiane estremamente rare sono state vendute per circa 1,5 milioni di dollari ciascuna, diventando così le monete [...] ..

2 rare monete australiane battono Record all'asta

Durante un’asta che si è svolta sabato scorso a Monaco, due monete australiane estremamente rare sono state vendute per circa 1,5 milioni di dollari ciascuna, diventando così le monete più costose mai vendute all’asta.

“Nelle nostre aste di monete certificate settimanali, stiamo assistendo a un numero record di nuovi offerenti e i prezzi stanno salendo su tutta la linea, non è solo la parte più elitaria del mercato che è aumentata”, ha affermato Ian Russell, presidente del gruppo di esperti in monete delle “Great Collections”.

2 rare monete australiane battono Record all'asta

Una delle due monete è da 5 sterline ed è stato coniato a Melbourne nel 1921. Esistono solo altre sei copie identiche, appartenenti al lotto 104, il cui disegno è stato ispirato da uno del 1852 dell’incisore Joshua Payne.

(adsbygoogle=window.adsbygoogle||[]).push({})
I banditori lo descrivono come “una moneta eccezionale” e “l’esemplare più conosciuto”. È stato acquistato per un valore totale di 1,56 milioni di dollari.

La seconda moneta appartiene al lotto 123 ed è una sovrana d’oro del re Giorgio V d’Inghilterra. Fu coniato a Sydney nel 1920 e una delle sue facce mostra una rappresentazione di San Giorgio e il Drago, una leggenda che probabilmente ha dato origine a tutte le favole con principesse e draghi in Occidente. Questa seconda moneta è stata venduta per 1,48 milioni di dollari.

Secondo gli esperti, questa moneta fa parte di una commissione privata di Jacob Garrard (allora Segretario dei Lavori Pubblici per il New South Wales) per il suo anniversario di matrimonio il 15 aprile 1920.

“Con i suoi sette figli, sua moglie e lui, possiamo supporre che siano state coniate nove monete. Ognuno ricevette una moneta e si sa solo che oggi ci sono quattro monete, essendo questa la più bella”.